Email Marketing: cos'è e come creare campagne di successo in 6 step

Email Marketing: cos'è e come creare campagne di successo in 6 step

Invia la tua prima newsletter con Brainpull!

Email Marketing: sai davvero tutto?

La crescita dell’email marketing e del direct email marketing è una delle tendenze più importanti e remunerative all’interno delle dinamiche odierne del marketing digitale. Sapevi che entro il 2025 gli utenti giornalieri nel mondo con una email attiva saranno 4,6 miliardi? È proprio per questo che il 64% delle piccole imprese sta già utilizzando l'e-mail marketing per raggiungere i suoi clienti! Avrai sicuramente sentito parlare dei vantaggi di una campagna di email marketing per la tua azienda e di come questa può far crescere il tuo brand, la sua reputazione e il tuo fatturato. Ora vuoi saperne di più e dare una svolta al tuo business? Sei davvero nel posto giusto!

Brainpull è un’agenzia di comunicazione e marketing specializzata in email marketing e nella gestione strategica di campagne DEM e newsletter.

Dalla costruzione della mailing list fino alla sua segmentazione, passando dall’email design e copywriting: contattaci per ricevere una consulenza in email marketing!

EMAIL MARKETING: I NOSTRI CASI DI SUCCESSO

Di cosa hai bisogno per incrementare le vendite e avventurarti in un modo tutto nuovo di comunicare con i tuoi clienti? Couponing, lead generation, database building, fidelizzazione, conversione e non solo: con il nostro team ti aiuteremo a inviare la tua prima campagna email pubblicitaria, aiutandoti a raggiungere ogni tuo obiettivo con la massima efficacia. Nel frattempo, non perderti la nostra guida completa e scopri come creare una campagna di email marketing con Brainpull!

Cos'è l'Email Marketing

L’email marketing è uno strumento di advertising e di marketing diretto (DEM) che prevede l'utilizzo di un database di contatti per comunicare online con i consumatori. Il digital email marketing si concretizza, dunque, come un invio mirato di comunicazioni pubblicitarie o di messaggi non commerciali tramite posta elettronica, a un elenco di destinatari di cui si conosce l’indirizzo e-mail sotto esplicito consenso privacy.

Tale forma di marketing viene sempre più impiegata veicolando contenuti di altissima qualità per scopi ben definiti, quali l’acquisizione di nuovi clienti, il rafforzamento della brand loyalty e l’incremento dei profitti. Cosa significa, invece, fare direct email marketing?

Statistiche email marketing
Utilizzo delle email da parte degli utenti

Direct Email Marketing: cos'è e definizione di campagna DEM

Con le espressioni DEM, DEM Marketing o Direct Email Marketing, si intende una comunicazione aziendale prevalentemente commerciale e basata sull’invio di e-mail pubblicitarie, rivolta alla promozione di un prodotto, evento o servizio. Creare una campagna DEM efficace significa definire una strategia digitale che sfrutta il marketing via email per promuovere le conversioni, colpendo un target specifico facilmente segmentabile e composto da buyer persona accuratamente profilate.

Direct marketing starts with customers, not products.Alan Trapp in Principles of Direct, Database and Digital Marketing

Grazie a una campagna di direct email marketing è possibile avviare azioni personalizzate di engagement, fidelizzazione e lead nurturing focalizzate non più sul prodotto, ma sui bisogni degli utenti: è così che questi ultimi sono invogliati a interagire attivamente con il marchio, ottenendo un dialogo esclusivo.

È il marketing relazionale baby!

DEM vs newsletter: qual è la differenza?

A differenza della DEM, che ha uno scopo prevalentemente commerciale e l’obiettivo di invogliare all’acquisto tramite call to action e strategie promozionali, una newsletter ha una finalità informativa e offre contenuti rivolti a intrattenere l’utente. Alcuni esempi? Curiosità sui prodotti e sul brand, trend di settore, condivisione di articoli del blog, premi e riconoscimenti.

Inoltre, mentre l’invio di una DEM non ha una cadenza ben definita ed è spesso vincolata a offerte temporanee o a occasioni di consumo (Black Friday, Natale, San Valentino, ecc...), l’invio di newsletter ha una cadenza più regolare e va ad integrare perfettamente il piano di comunicazione della tua azienda.

Campagne di Email Marketing: ROI medio

Se ti stai ancora chiedendo perché fare email marketing, hai già un primo, ottimo, motivo per iniziare adesso! L'email marketing è uno dei canali di digital marketing più efficaci in termini di ritorno sull'investimento.

Una campagna di email marketing ha un ROI del 122%, di oltre quattro volte superiore rispetto ad altri asset digitali quali social media, pubblicità display e ricerca a pagamento? (Emarketer).

Inviare newsletter è un modo economico, efficace e scalabile di rivolgersi ai clienti, potenziali o esistenti, e può avere differenti finalità a seconda dei propri obiettivi di business. Puoi aumentare la consapevolezza del tuo marchio e fare storytelling online, stimolare gli iscritti a completare un'azione sul tuo sito web oppure invogliare gli utenti a recarsi in negozio. Vediamo insieme nel dettaglio tutti i vantaggi dell’email marketing e perché funziona davvero:

  • è meno costoso rispetto alle attività di marketing diretto eseguite con materiale cartaceo;
  • è istantaneo, dal momento che una e-mail arriva in pochi secondi o minuti dal suo invio;
  • è più performante in termini di tasso di conversione rispetto ad altre piattaforme di digital marketing;
  • è facilmente tracciabile e misurabile;
  • è ottimamente predisposto agli A/B test;
  • rappresenta una leva pubblicitaria invasiva, che non aspetta l’arrivo dell’utente sul tuo sito per mostrargli una promozione, prodotto o servizio;
  • consente di mantenere un contatto esclusivo e immediato con la tua audience di riferimento;
  • consente di creare una propria community e di stabilire relazioni personalizzate, strutturando il proprio messaggio in base al destinatario che si vuole raggiungere.

L’Email Marketing come strumento di permission marketing

Uno dei motivi per il quale il marketing via mail è così performante deriva dal fatto che tale canale di comunicazione necessita di un consenso di opt-in per essere autorizzato, garantendo anche la possibilità di richiedere l’unsubscribe dal database aziendale. In questo modo l’utente accetta consapevolmente di ricevere messaggi informativi o commerciali da un brand: è proprio questo permesso a garantire un’attenzione maggiore al messaggio e una conseguente massima efficacia dell’azione pubblicitaria.

Turning strangers into friends and friends into customers.Seth Godin in Permission Marketing

È così che il permission marketing si sostituisce all’interruption marketing dei media tradizionali, che cercano di catturare l’attenzione del consumatore durante la fruizione di un contenuto audio o video (sì esatto, è lo spot tv che accompagna ogni sera i tuoi film preferiti). Si tratta di un passaggio decisivo dalla logica del broadcasting unidirezionale a quella del narrowcasting, ovvero una diffusione personalizzata e mirata di contenuti trasmessa a un pubblico altamente interessato.

L’impatto dell’Email Marketing sulla brand loyalty

Recenti studi sulla gestione delle relazioni con i clienti (CRM) hanno confermato che mantenere dei contatti regolari con i propri customer aiuta a preservare la loro fedeltà al marchio. Una comunicazione mirata e costante porta, infatti, maggior valore ai tuoi brand lover, fornendo informazioni pertinenti, coinvolgendoli in un dialogo empatico e riducendo i loro sforzi nella ricerca di informazioni.

La comunicazione via email conferma ai consumatori che stanno scegliendo il marchio giusto, aiuta a rimuovere la dissonanza cognitiva e li intrattiene, offrendo stimoli costanti e relazioni personalizzate efficaci.

Che si parli di emotional loyalty o di price loyalty, strutturare una campagna via mail significa adottare una strategia di fidelizzazione dei clienti duratura nel tempo e all’incremento della frequenza di acquisto online o in store. Per farla breve, facciamo in modo che i tuoi clienti non si dimentichino di te!

Email Marketing per l'e-commerce: perché è così importante

Il direct marketing è oggi parte integrante non solo del mondo retail, ma anche del commercio online: fra gli asset strategici sui quali quest’ultimo si basa, l’email marketing è certamente considerato uno degli strumenti di comunicazione più efficaci e performanti.

Circa il 68% delle aziende che ha scelto di inviare newsletter ai propri clienti ritiene questo strumento di digital marketing come un eccellente o buon touchpoint su cui investire.M. Hudák, E. Kianicková & R. Madlenák in The Importance of E-mail Marketing in E-commerce.

Puoi scegliere di adottare una strategia di email marketing per l’e-commerce con Brainpull se hai bisogno di:

  • facilitare il ricordo del tuo brand o della tua società;
  • migliorare le relazioni con i clienti;
  • acquisire nuovi contatti;
  • veicolare promozioni e offerte speciali;
  • invogliare i lettori a scoprire, conoscere e ordinare i tuoi prodotti o servizi;
  • aumentare il drive to shop e le vendite dell’azienda;
  • creare una tua community e fidelizzarla;
  • ascoltare il sentiment dei clienti e ricevere feedback tramite sondaggi su misura.
Infografica sull'email marketing
Soddisfazione delle aziende riguardo il ROI dell'email marketing

Come creare una campagna di Email Marketing in 6 semplici step

Se adesso ti stai chiedendo come fare email marketing, veniamo al dunque! È proprio quando si tratta della gestione di una campagna di email marketing che qui in agenzia diamo il meglio di noi. Quello che amiamo di più fare è progettare campagne integrate a prova di spam, per entrare in contatto con il consumatore su più touchpoint e implementare le più efficaci tecniche di growth marketing per aiutarti a crescere in fretta. Facebook, Instagram, Google, Whatsapp, siti web, PR: integriamo i percorsi di vendita in un’unica soluzione e manteniamo un approccio strategico omnicanale. Creiamo insieme la tua prima mail pubblicitaria!

From lead to deal: anagram well done.Domingo Iudice, Co-founder di Brainpull

1. Definizione degli obiettivi

Non c’è pianificazione senza aver prima ben chiari i propri obiettivi. La definizione di una campagna di email marketing non può prescindere dall’ascolto, innanzitutto, di quelle che sono le esigenze della tua impresa. Hai bisogno di incrementare la tua brand awareness, di dare un boost al tuo fatturato o di aumentare il traffico al sito? Vuoi creare una tua community, raccogliere nuovi contatti oppure fidelizzare i tuoi clienti? Qual è il tuo target di riferimento? Drive to shop o drive to store? Solo così potremo comprendere, insieme, l’orizzonte da raggiungere e strutturare un messaggio di marketing mirato sulle email, con una strategia di newsletter marketing pronta a fare centro!

2. Pensa a una strategia vincente

Il successo di una campagna promozionale è impensabile senza una strategia di email marketing efficace. Le dinamiche di marketing diretto si sono notevolmente evolute nel tempo, dando vita a dei princìpi di test, controllo e targeting oggi cruciali per raggiungere il successo. Ma cosa possiamo fare esattamente?

  1. Segmentiamo il pubblico in base alle risposte dei clienti e alle offerte precedenti, utilizzando tecniche statistiche per prevederne il comportamento;
  2. Analizziamo i profili dei clienti esistenti per identificare una lookalike audience, con interessi e comportamenti simili e quindi più propensa alla conversione;
  3. Adottiamo tecniche di email retargeting, per raggiungere i clienti giusti al momento giusto, veicolando un messaggio personalizzato, specifico e ultra pertinente;
  4. Utilizziamo gli A/B test per ridurre al minimo il rischio e per comprendere il relativo impatto dei diversi elementi di direct marketing;
  5. Creiamo customer journey dinamiche, in base all’obiettivo della strategia di marketing e al funnel di crescita.
Statistica sulle campagne di email marketing segmentate
Efficacia di una campagna DEM segmentata

3. Creazione mailing list

Un terzo step imprescindibile per creare una campagna di DEM marketing è quello di costruire una lista di contatti predisposti alla ricezione di email promozionali. Se l’acquisto di database di terzi può risultare spesso la soluzione più semplice e rapida (ma anche la più dispendiosa!) il nostro team newsletter ha escogitato alcune strategie di database building che non vede l’ora di mettere in atto.

In che modo si possono raccogliere gli indirizzi email in modo completamente spontaneo?

Ecco i nostri entry point preferiti per la costruzione di una mailing list:

  • chiedi ai tuoi clienti in negozio di compilare un form di contatto dopo l’acquisto;
  • entra in relazione con il tuo target durante fiere o eventi;
  • crea campagne social di lead generation che atterrano su landing page appositamente strutturate con moduli di iscrizione online;
  • crea un pop up sul tuo sito web.

Un segreto? Utilizza un lead magnet! Se un reward è sempre gradito per ottenere un contatto mail in modo naturale, garantire un accesso esclusivo o in anteprima a un’offerta limitata terrà certamente i tuoi futuri clienti incollati al brand. Welcome on board!

4. Email copywriting: attention, interest, desire, action!

Una volta definiti gli obiettivi della tua comunicazione e i destinatari, è finalmente tempo di strutturare il messaggio. Qui i nostri copywriter scatenano la loro creatività per scrivere newsletter efficaci, irriverenti, personalizzate e irresistibilmente catchy. Con CTA che vanno dritte al sodo!

Hai mai sentito parlare di piramide rovesciata e di formula AIDA? L’utente medio impiega circa 2 secondi per recepire una email, ma qui in Brainpull applichiamo modelli di UX, UI e di copywriting efficace per conquistarlo anche in così breve tempo!

I contenuti ritenuti più utili dagli utenti? Eccoli qui:

  1. offerte di vendita e promozioni speciali;
  2. informazioni sui nuovi prodotti;
  3. concorsi e contest;
  4. curiosità sui prodotti o sulla tua storia;
  5. notizie generali sul proprio settore di riferimento;
  6. informazioni su eventi, webinar o conferenze;
  7. nuove aperture.

Dove abbiamo imparato a fare, davvero, la differenza è nello scrivere l’oggetto di una mail. A che serve disporre di migliaia di indirizzi di posta e di un’offerta eccellente se poi il tasso di apertura è sotto il 10%? Abbiamo una soluzione anche per questo!

Come scrivere un oggetto mail che funzioni

L’oggetto di un'email è il primo punto di contatto con il nostro lettore. Alcuni studi condotti sfruttando la tecnologia eye tracking hanno dimostrato che la riga dell’oggetto email è fondamentale per garantire l’apertura della stessa nel 30% dei casi. Generalmente, gli utenti tendono a soffermarsi sulle prime tre parole dell'oggetto e a non leggere quanto comunicato nel pre-header. Aumentare l’open rate di una newsletter è quindi fondamentale se vuoi assicurarti che i tuoi clienti stiano leggendo quello che hai da dire. Ecco come dovrebbe essere un mail subject accattivante:

  • è credibile, trasparente e coerente con quanto offerto nella mail;
  • presenta un’offerta;
  • è disruptive;
  • è breve, diretto e conciso;
  • ispira curiosità;
  • trasmette senso di urgency;
  • pone una domanda;
  • è personalizzato con il nome del destinatario;
  • utilizza numeri.

5. Email Marketing design: il template di una DEM

Testi alla mano, è tempo di impaginare! Il layout grafico di una DEM o newsletter deve essere studiato per ogni singolo invio, mantenendo un forte impatto grafico, una call to action cliccabile above the scroll e una palette di colori coerente con la brand identity aziendale. Uno step decisivo per ottenere massime performance dalla propria campagna è, inoltre, quello di progettare un template mobile friendly, ottimizzato sia per la lettura da desktop che da smartphone. Il nostro colpo di genio creativo? L'estrema personalizzazione di ogni singola mail, con un corpo font corto, leggibile e immediatamente riconoscibile!

6. Invio newsletter: le migliori piattaforme di Email Marketing

Adesso è davvero tutto pronto per l’invio massivo della tua prima mail! Ma quali piattaforme offrono i migliori servizi di newsletter sul mercato per una campagna di direct marketing? Qui in Brainpull scegliamo accuratamente i nostri partner, a seconda del livello di automazione e di integrazione con servizi terzi, al grado di deliverability e di personalizzazione del layout e alle funzioni di reportistica. Ecco i principali Email Service Provider (ESP) della nostra agenzia:

Come valutare una campagna DEM di successo: le KPI

La tua prima campagna DEM è finalmente online! Ma in che modo è possibile testarne l’efficacia, misurandone i risultati? Quali sono gli indicatori di performance da tenere in considerazione per valutare il successo di una campagna pubblicitaria via mail? Di seguito le metriche principali di un’azione di email marketing:

  • Delivery rate: la percentuale delle mail recapitate correttamente rispetto al totale degli invii effettuati;
  • Bounce Rate: la percentuale di mail non recapitate. Si parla di soft bounce rate in caso di problemi temporanei con il server, di hard bounce rate se ci sono errori permanenti o particolari filtri di sicurezza impostati dall’utente;
  • Open rate (OR): la percentuale di utenti che hanno aperto la mail;
  • Click-Through-Rate (CTR): le percentuale di click sui link inseriti nel corpo della mail;
  • Click-Through-Open-Rate (CTOR): la percentuale di utenti che hanno cliccato su un link interno alla mail, dopo averla aperta, atterrando sul tuo sito;
  • Conversion Rate (CR): percentuale di persone che hanno effettuato una conversione (un’iscrizione alla newsletter, un acquisto, un download, una richiesta di contatto) durante una sessione sul tuo sito iniziata dalla sorgente newsletter;
  • Unsubscribe Rate: percentuale di utenti che hanno richiesto la rimozione del proprio indirizzo dalla mailing list della tua azienda.

RICHIEDI UNA CONSULENZA DI EMAIL MARKETING

Email Marketing: 6 esempi per aumentare le conversioni

Come far innamorare il tuo pubblico con campagne di email marketing efficaci e soluzioni mirate di email marketing automation? Ecco nel concreto i principali tipi ed esempi di email marketing:

  1. Email di benvenuto (welcome mail): accogliamo i nuovi iscritti alla newsletter con entusiasmo e, per ringraziarli, possiamo anche regalare loro un codice sconto sul primo acquisto!
  2. Email per il compleanno: se vuoi che il tuo brand resti sempre al fianco dei tuoi clienti, perché non celebrare insieme un giorno tanto speciale?
  3. Email del carrello abbandonato: quante persone visitano il tuo sito, inseriscono un prodotto nel carrello e poi non proseguono con l’acquisto? Noi abbiamo compreso il perché e sappiamo anche come convincerli a cliccare sul tasto compra!
  4. Email promozionali periodiche: hai un particolare prodotto in promo, vuoi lanciare una flash sale oppure comunicare le tue offerte settimanali o mensili? Here we are!
  5. Email coupon: ovvero come aumentare le tue visite in store offrendo coupon esclusivi a tempo limitato;
  6. Email di reminder e countdown: un’offerta speciale non è per sempre. Troppo bello sennò! Il tempo corre, le promo scadono e l’orologio è lì a ricordare che resta solo 1 ora per acquistare a prezzi irripetibili. Perché aspettare ancora?
Esempi di email marketing
Esempi di campagne di email marketing realizzate da Brainpull

Email Marketing automation: Brainpull è partner Salesforce!

Salesforce e Brainpull è una partnership di successo avviata da giugno 2020: con il nostro team di professionisti lavoriamo per la costruzione di relazioni di successo con i tuoi clienti, offrendo soluzioni strategiche di email marketing automation destinate al CRM, pensate per incrementare vendite e fatturato. Richiedendo una consulenza Salesforce, potremo targetizzare i tuoi clienti in maniera intelligente e ti aiuteremo a inviare, programmare e gestire le campagne email attraverso degli automatismi. Più facile ed efficace di così?

5 statistiche sull’Email Marketing che non puoi più ignorare

  1. Il mercato globale dell'e-mail marketing è stato stimato in $7,5 miliardi nel 2020 e si prevede che aumenterà a $17,9 miliardi entro il 2027 (Statista, 2021);
  2. I visitatori di un ecommerce che ricevono email del carrello abbandonato hanno 2,4 volte più probabilità di completare l'acquisto (Experian, 2016);
  3. L’87% dei marketer utilizza questo canale per diffondere i propri contenuti, mettendo il marketing via email al terzo posto dopo il sito web, 89%, e i social media, 91% (Content Marketing Institute, 2019);
  4. L'81% dei marketer B2B afferma che il canale più utilizzato per il content marketing nel settore sono le newsletter via e-mail (Content Marketing Institute, 2020);
  5. Le campagne e-mail segmentate hanno un tasso di apertura superiore del 14,3% rispetto alle campagne non segmentate (Mailchimp, 2016).